Enjoy al Chiostro del Bramante: dove l'arte si fa esperienza

L’arte può divertire? La mostra si chiama Enjoy e ha un sottotitolo emblematico l’Arte incontra il divertimento: locuzione che indica un modo diverso di vivere l’arte! Qui va in scena il contemporaneo e il protagonista è lo spettatore che interagisce, tocca e gioca con l'arte!

Con l’obiettivo di creare un luogo immersivo, Danilo Eccher, curatore della mostra, ha selezionato artisti contemporanei accomunati dalla capacità di farci perdere nei meandri dell’arte: Calder, Tinguely, Fogliati, Lin, Erlich, Creed, Neto, Collishaw, Ourlser, Wurm, TeamLab, Hans op De Beeck, De Dominicis e Gander.

Alcuni lavori sono site specific, costruiti dagli artisti per gli ambienti del Chiostro, come il tappeto fiorito di Michael Lin che accoglie il visitatore e lo introduce in mostra. L’obiettivo dell’artista è quello di rendere lo spazio museale un luogo di incontro, mettendo in relazione arte e spettatore, di certo qui è riuscito a rendere l’architettura rinascimentale di Bramante un spazio a misura di bambino.

Si inizia con Red Mobile di Calder e più avanti si prosegue con Vive la liberté di Tinguely: ecco i due pilastri della mostra, di qui si irradia il linguaggio sul divertimento, come antitesi alla scultura classica e simbolo di modernità.

Qual è il gioco?

Far muovere le opere dei due maestri.

Come?

Mobile si sposta con un soffio d’aria, se hai un gran fiato o meglio un ventaglio prova a muoverla e scoprirari di poter essere tu a dar una nuova forma all’opera d’arte. Vive la libertè di Tinguely si muove con l’azionamento di un piccolo motore elettrico.

Secondo te il David di Bernini si può spostare o modificarne la forma?

Evidentemente no. Qui invece oltre che guardare puoi giocare con l’opera d’arte!

Dai maestri del ‘900 storico agli interpreti del terzo millennio

The Centrifugal soul di Mat Callishaw, è un marchingegno che ruota su se stesso, dando l’impressione che gli uccellini e i fiori che lo compongono si stanno muovendo. L’illusione ottica è ottenuta grazie al sovrapporsi delle immagini e alle luci intermittenti.

Quando la macchina è ferma i  fiori  e gli uccellini ti sembrano tutti uguali?

Non sono tutti uguali, hanno inclinazione e posizione differenti, così il loro rapido sovrapporsi crea l’illusione del movimento.

L’artista inglese ha rielaborato con mezzi tecnologici un gioco di epoca vittoriana creando una struttura di grande impatto visivo ispirata dall’opera dello psicologo evoluzionista Geoffrey Miller (Cincinnati, 1965), le cui teorie fanno risalire le origini dell’arte a una serie di fattori atavici come i rituali di corteggiamento.

L’arte interattiva che coinvolge e diverte continua…

Ecco l’installazione dell’argentino Leandro Erlich che invita lo spettatore a perdersi in un labirinto di camerini, le sue Changing rooms, in un gioco continuo tra finzione e realtà. Qui il gioco è ….attraversare l’opera d’arte

E ancora gli Occhi di Oursler che ci fissano e l’amaca di Ernesto Neto!

Prima di salire al secondo piano non ti perdere il Prisma Meccanico di Fogliati, una macchina dove la fisica ed in particolare l’ottica geometrica e newtoniana si trasformano in poesia

Cosa vedi?

Un proiettore illumina una parete bianca con davanti un supporto di alluminio, che ruota su se stesso ad elevata velocità. Per effetto della rotazione, la luce si scompone nei suoi colori base, arancio, viola, verde, blu, creando una visione di una doppia sfera di aria colorata: una sospesa nell’aria e l’altra sulla parete posta dietro l’oggetto.

In questo lavoro Fogliati si avvia verso una nuova dimensione artistica in cui l’esito estetico si stacca dal supporto per visualizzarsi, in questo caso su una superficie dietro l’oggetto.

Ora lasciati guidare dalla risata di De Dominicis al piano successive e scopri gli altri giochi di Enjoy

Avresti mai creduto di poter essere un’opera d’arte?

Ora puoi, cerca le One minute sculptures di Wurm, segui le istruzioni per l’uso e scopri come diventare un’opera d’arte per un minuto!

È arrivato il momento di immergerti nella stanza con i palloncini rossi di Martin Creed: qui l’arte si fa esperienza totale e il divertimento è assicurato!

Il gioco e il divertimento sono da sempre componenti centrali dell’Arte, scoprilo negli spazi del Chiostro del Bramante, dove la parola d’ordine è Enjoy.

 

Gallery :

Related Post :